Il primo arpeggio con la chitarra

Pagina correlata a imparare l’arpeggio nella chitarra: esercizi sugli arpeggi per chitarra

Posizione corretta e rallentamento

Imparare l’arpeggio nella chitarra: lo scopo dell’esercizio è quello di far tenere all’esecutore una corretta impostazione del braccio, della mano destra e, soprattutto, delle dita che pizzicano le corde.

Assicuratevi che la chitarra sia accordata per evitare memorizzazioni di note ed intervalli (differenza tra un tono e l’altro) fasulli.

La mano sinistra la terrete a riposo con il rispettivo braccio “penzolone” e l’arpeggio lo eseguirete pizzicando a vuoto le corde sotto indicate.

Per poter assimilare bene questo esercizio di arpeggio bisogna iniziare a rallentamento, dimenticandosi il rispetto del ritmo.

Via via che le dita prenderanno confidenza con le corde della chitarra, riconoscendo automaticamente le posizioni e quindi acquisendo memorie muscolari e mentali sulle varie sequenze, allora, si potrà aumentare un poco per volta la velocità. Quindi si potranno anche rispettare i tempi richiesti dallo spartito.

Domanda a bruciapelo con risposta in fondo alla pagina: cosa è il ritmo?

Iniziamo a pizzicare senza seguire il ritmo

  • Pizzicare con il pollice la sesta corda (MI)
  • Pizzicare con l’indice la terza corda (SOL)
  • Pizzicare con il medio la seconda corda (SI)
  • Pizzicare con l’anulare la prima corda (MI)

Pochi e brevi esercizi

Agli inizi non bisogna insistere troppo negli esercizi, perché si potrebbero ottenere risultati inversi. Bastano pochissimi minuti, magari distribuiti nell’arco della giornata. Una volta ottenuta una certa sicurezza con questo semplicissimo arpeggio, si potranno inserire altre varianti.

Una fra le tante varianti

  • Pizzicare con il pollice, ad ogni inizio di sequenza, una volta la sesta corda (MI), una volta la quinta corda (LA) ed una volta la quarta corda (RE), quindi proseguire come sotto indicato.
  • L’indice pizzica la terza corda (SOL)
  • Il medio pizzica la seconda corda (SI)
  • L’anulare pizzica il (MI)
  • Il pollice la quinta corda (La), poi alla prossima sequenza il RE, quindi di nuovo il MI.

Nella scrittura per chitarra le dita della mano destra vengono indicate con i, m, a, p, rispettivamente per l’indice, il medio, l’anulare ed il pollice.
Gli arpeggi sopra indicati hanno la seguente sequenza: p, i, m, a.

Risposta alla domanda a bruciapelo: Il ritmo è un movimento ordinato dei suoni più o meno veloci che si susseguono in tempi più o meno lunghi.

Pagina precedente: Acquisire la velocità nel pizzico

Pagina successive: L’arpeggio con ritorno


Il secondo arpeggio con la chitarra

Arpeggio chitarra: anche questo è un semplice esercizio di arpeggio in cui non deve essere impiegata la mano sinistra. La destra farà l’arpeggio sulle corde a vuoto.

Eseguire l’esercizio senza rispettare il ritmo

Anche qui, come nella pagina precedente, lo scopo dell’esercizio, è quello di impostare, una corretta posizione di base riguardante il braccio,  la mano e soprattutto le dita che pizzicano le corde.

Chitarra ben accordata

Assicuratevi di nuovo che la chitarra sia ben accordata, evitando quindi strane memorizzazioni di suoni ed intervalli ingannevoli.

La sinistra deve essere tenuta a riposo con il rispettivo braccio che pende rilassatamente su se stesso.

L’arpeggio va eseguito pizzicando le corde indicate.

Domanda a bruciapelo con risposta in fondo alla pagina:  Quanti diesis in chiave ha la scala di Fa maggiore? La domanda è giusta?

Rallentamento … soprattutto

Per poter bene assimilare l’esercizio di arpeggio occorre tenere a freno la velocità, dimenticando la suddivisione del tempo.

Mano a mano che le dita prenderanno disinvoltura con le corde, riconoscendo in automatico le posizioni e perciò acquisendo proprie memorie muscolari e mentali riguardo le sequenze, allora, si potrà, un poco alla volta, far crescere la velocità. Poi si possono considerare i tempi scritti sulla partitura.

Iniziare a pizzicare le corde

  • Il pollice pizzica la sesta corda (MI)
  • L’indice pizzica la terza corda (SOL)
  • Il medio pizzica la seconda corda (SI)
  • L’anulare pizzica la prima corda (MI)
  • Il medio pizzica la seconda corda (SI)
  • L’indice pizzica la terza corda (SOL)
  • Il pollice pizzica la sesta corda (MI)

Variante

  • Pizzicare con il pollice, ad ogni inizio di sequenza, una volta la sesta corda (MI), una volta la quinta corda (LA) ed una volta la quarta corda (RE), quindi proseguire come sotto indicato.
  • L’indice pizzica la terza corda (SOL)
  • Il medio pizzica la seconda corda (SI)
  • L’anulare pizzica la prima corda (MI)
  • Il medio pizzica la seconda corda (SI)
  • L’indice pizzica la terza corda (SOL)
  • Il pollice pizzica la quinta corda (La), poi la prossima sequenza il RE, quindi di nuovo il MI

Gli arpeggi sopra indicati hanno la seguente sequenza: p, i, m, a, m, i, p

Pochi e brevi esercizi

Non esagerate con l’insistere sull’esercizio: bastano pochissimi minuti giornalieri. La tecnica deve essere assimilata e digerita lentamente.

Risposta alla domanda a bruciapelo: la scala di Fa maggiore non ha nessun diesis in chiave ma un bemolle sulla riga del Si. Evidentemente la domanda poteva essere formulata in modo diverso!

Pagina precedente: Arpeggiare verso gli acuti

Pagina successiva: Arpeggiare con la posizione della mano destra preparata