Note caratteristiche del modo minore

Le note che più influiscono sulla diversità di carattere fra la scala di modo Maggiore e quella di modo minore sono quelle corrispondenti al terzo, sesto e settimo grado. Proprio per questo motivo vengono considerate note caratteristiche della scala.

Infatti mettendo a confronto la scala maggiore con quella minore ci accorgiamo che il terzo, il sesto ed il settimo grado della scala minore risultano con un semitono più basso rispetto ai gradi delle stesse posizioni nella scala del modo maggiore.

In una scala per poter capire se il modo è maggiore o minore occorre analizzare proprio la posizione della terza, sesta e settima nota. Però il sesto e settimo grado, essendo sottoposti a frequenti alterazioni dovute per l’appunto al modo minore (soprattutto le melodiche), non sempre ci forniscono un sicuro criterio di indagine. Molto spesso nei modi minori questi due gradi coincidono con la posizione del modo maggiore. Perciò il sesto e settimo grado non ci offrono mai grandi certezze atte al riconoscimento del Modo. La posizione più fedele nella caratterizzazione del modo minore è soltanto la terza, e quindi, fra le tre, questa deve essere considerata la sola caratteristica della scala.

Il terzo grado è maggiore quando la sua distanza dalla tonica è di quattro semitoni (leggi due toni), mentre è minore quando la distanza dalla tonica è di tre semitoni.

In breve, in relazione alla terza: intervallo maggiore corrisponde a scala di modo maggiore; intervallo minore corrisponde a scala di modo minore.


Un pensiero riguardo “Note caratteristiche del modo minore”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *