Questione di millimetri di Stefano Busonero

 Stefano Busonero: questione di millimetri – una marina di un millimetro per due

Paesaggio marino La Croce anno 1995

Precedente – Prossimo

Un quadro microscopico di Stefano Busonero

Una marina in stile impressionistico (a macchie di colore in accostamento) ho voluto rappresentare con questo mio quadro. Il supporto è un ritaglio di scheda telefonica.

Quei puntini scuri che si vedono nel cielo e nel mare sono granelli non bene raffinati presenti nel colore blu oltremare.

È visibile sulla destra un lungo frammento di polvere rimasto imparentato con la pittura che ormai fa parte dell’opera stessa.

La polvere è una grande minaccia per i quadri in fase di realizzazione.

Talvolta colpiscono quadri molto più piccoli di quello di cui sopra, rovinandolo letteralmente.

la mia tecnica sulla micropittura per la realizzazione di quadri microscopici.

(Stefano Busonero)


Le mini-opere di Busonero: Mulino Radet al microscopio

Mulino Radet al microscopio.

Stefano Busonero: una riproduzione del Mulino Le Radet di Van Gogh

Mulino Radet al microscopio
Stefano Busonero: 2a11 Mulino Radet (Van Gogh),   anno 1997, olio, 6 x 7,5 millimetri.

Precedente – Prossimo

Il Mulino Le Radet è un quadro di Vincent van Gogh. Anche questa mia riproduzione pittorica è sotto il centimetro quadrato di superficie. Sono riuscito ad inserirci anche la mia firma (in fondo a destra).

Questi quadri microscopici sono stati tutti realizzati con lo stereoscopio, uno strumento che ingrandisce e da modo di garantire la profondità.

Mi sarebbe praticamente impossibile lavorare con il semplice microscopio perché non avrei sotto controllo la distanza del pennello dal supporto pittorico. (Busonero). Il Mulino Radet al microscopio mi ha soddisfatto! Ecco la tecnica impiegata!

L’opera originale (Il mulino Le Radet) Vincent van Gogh la eseguì con tecnica ad olio su tela nel 1886. Le sue misure sono 38 x 46,5 cm. ed è conservato a Berlino nella Nationalgalerie.


Io sogno e dipingo – di Stefano Busonero

 Stefano Busonero: Io sogno e dipingo
Centro fallito
Stefano Busonero: 177A6, Io sogno e dipingo – Centro fallito, tecnica ad olio, formato 5,5 x 8,5

precedente – prossimo

In un universo capovolto mi sto librando con indosso una tuta da subacqueo in quello che dovrebbe essere il cielo, ed in effetti posso respirare liberamente.

Intorno a me, però, i giganteschi rettili acquatici svolgono agilissimi le loro spire, mentre alcune balene sostano sui dirupi delle montagne. Da queste essi traggono l’acqua loro necessaria.

È come se il mio “io” si fosse liberato dai vincoli materiali, raggiungendo una nuova dimensione. Dove dovrebbe esserci il mare, ci sono degli pterodattili che emettono fuoco dai becchi dentati.

Le evoluzioni che compio nello strano elemento in cui mi ritrovo mi caricano di energia. L’inconscio mi avverte di un imminente pericolo, volgendo lo sguardo verso il basso, scorgo un serpente in agguato.

A mano a mano che il terrore m’invade, il mio corpo si appesantisce, finché la morsa del panico mi fa rovinosamente precipitare verso il basso. La caduta è libera, terribile e senza fine.

Velocissimo il rettile mi precede, come una lancia scagliata da un bracco divino, poi si stabilizza, comincia a librarsi in lenti giri, come ad attendere una preda che non può sfuggirgli. Infine dopo un breve attimo in cui si arresta per verificare la mia traiettoria, si precipita verso il punto d’impatto.

Gli pterodattili si lanciano in direzione opposta, per sottrarre al gigantesco rettile la preda sperata. Finalmente, dalle insondabili profondità di quell’universo antifrastico, emerge una massa bianca e gelatinosa. In questa  sostanza, a poco a poco, si delinea una pupilla, mentre l’occhio tutelare si avvicina a velocità incredibile, precedendo  i predatori che si avventano nella mia direzione.

Quando l’occhio mi raggiunge, mi trovo immerso in una sostanza avvolgente e protettiva, mentre il serpente e gli pterodattili sfrangiano i contorni dell’occhio, lo superano e si scontrano annientandosi.

……è soltanto un sogno! (Stefano Busonero)


Un sogno a colori di Stefano Busonero

Sogno a colori di Stefano Busonero

Fuochi o scherzi?
070A5 Fuochi o scherzi? Tecnica ad olio, formato 5,5 x 8,5

Per giorni la terra ha tremato, infine, con un  boato,  dalla montagna scaturisce  una  nube di fuoco. Massi incandescenti sono scagliati verso il cielo, lapilli e cenere si riversano sulla piccola città addormentata.

La lava si riversa dal cratere e, come un serpente di fuoco,  scende lungo i fianchi del vulcano bruciando la sterpaglia,  le messi ed i frutteti.

Sempre nel sogno a colori (si vedano anche le mie metamorfosi pittoriche), vapori venefici invadono la  cittadina, soffocano la popolazione in fuga. Il fuoco si riverbera sul mare, mentre  le vele delle imbarcazioni  s’incendiano, il fuoco  si estende al sartiame e poi ai fragili scafi nemmeno in mare  c’è scampo per i superstiti.

Eppure, nonostante tutto, immaginarlo è uno spettacolo esilarante! Questo quadro mi stimola inspiegabili sensazioni: è un dipinto che amo in modo particolare.

Per la visione di altri quadri simili con sogno a colori si veda il quadro precedente e quello successivo prossimo quadro.


L’importanza della coloristica in alcuni quadri di Stefano Busonero

Alcuni quadri di Stefano Busonero

Nel mondo della pittura, cosa potrebbe essere più importante della coloristica? Io penso che non esista qualcosa che possa comunicare con forza le sensazioni al pari della coloristica.

Forse il disegno! Non credo!

Un disegno molto ben impostato ma colorato male è da buttare nel bidone della spazzatura. Accostamenti di colore ben calibrati, anche in un disegno eseguito da un bambino di tre anni, potrebbero fare un’opera d’arte!

Una fredda giornata all’Argentario non scoraggia gli amanti del mare.

La mia vera vena pittorica è la realizzazione di dipinti microscopici. La pagina che illustra la tecnica della micropittura la si raggiunge tramite il già menzionato link.

Paesaggio marino con neve
Stefano Busonero: Paesaggio marino con neve, olio, formato 5,5 x 8,5

Un quadro del 1987

Pescherecci allo scalo Domizio
Busonero: Pescherecci allo scalo Domizio, olio su tela, formato 50 x 70 cm.

Un quadro degli anni ottanta ricorretto con colori del 2007

Mari e monti nell'immaginario
Stefano Busonero: Mari e monti nell’immaginario, olio su tela, formato 50 x 70 cm.

Il logo del palio marinaro dell’Argentario realizzato nel 1999

Il logo del palio marinaro dell'Argentario del 1999
Busonero: Il logo del palio marinaro dell’Argentario del 1999, olio su tela, formato 50 x 70 cm. 

 Precedente – Prossima pagina


Colori e contrasti nei quadri di Busonero

Colori e contrasti nei quadri di Busonero.

Generalmente i miei colori di Busonero sono molto soffici e privi di forti contrasti (spesso  le foto li falsano e rappresentano purtroppo ciò che io (Stefano) non vorrei …. alla fine mi sono rassegnato a questo!).

Riprendendo il discorso dopo la parentesi, le mie tonalità, nonostante i cieli movimentati e tempestosi, sono molto tenue.

Qualche volta provo ad aumentarne i contrasti e ……. esagero! Ecco quattro miei quadri dipinti ad olio.

Colori e contrasti nei quadri di Busonero: Barche, olio
Colori e contrasti nei quadri di Busonero: Barche, olio, formato 5,5 x 8,5 cm.
Peschereccio in manovra e paesaggio marino
Busonero: Peschereccio in manovra e paesaggio marino, olio su tela, formato 18 x 28 cm.
Colori e contrasti nei quadri di Busonero: Alba all'Argentario con pescatori che conciano
Colori e contrasti nei quadri di Busonero: Alba all’Argentario con pescatori che conciano, olio su tela, formato 20 x 30 cm.
Barche in porto
Busonero: Barche in porto, olio su tela, formato 20  x 30 cm.


Un quadro con dimensioni millimetriche di Stefano Busonero

Stefano Busonero: Una marina con esasperati cromatismi in quadro con dimensioni millimetriche

Stefano Busonero: Un quadro con dimensioni millimetriche
Stefano Busonero: 5a2 Barche,   anno 1995, olio, 5 x 10,8 mm.

Ecco la marina detta “del Turchese” di Porto Santo Stefano. Busonero fa voluto esasperare la coloristica  e creare delle variazioni un po’  … capricciose.

La foto, che non è delle migliori, non rende molto bene ciò che l’autore ha voluto raffigurare. La riproduzione fotografica di questo quadro è sfocata  e non vengono rispettati né i chiaroscuri, né il suo reale cromatismo.

Comunque ho realizzato quadri assai più piccoli di quello in esame in questa pagina. Tempo fa dipinsi una marina dentro la cruna di un ago da sarto.

Il dipinto visto dal vivo è tutta un’altra cosa!


Natura morta con cipolle al microscopio

Natura morta con cipolle al microscopio.

Stefano Busonero: una riproduzione di Van Gogh

 Natura morta con cipolle (Van Gogh)
Stefano Busonero: 6b11 Natura morta con cipolle al microscopio (Van Gogh),  anno 97, olio, dimensione 2,5 x 3 millimetri.

Precedente – Prossimo

La difficoltà nella realizzazione di un quadro microscopico sta nel controllo della fermezza della mano.

Quando dipingo su supporti piccolissimi come quello di cui sopra (2,5 x 3 mm.) sono costretto ad aumentare gli ingrandimenti.

Aumentando questi, viene visto amplificato anche il  normale tremore della mano.

Occorre una mano di pietra.

Talvolta mi accorgo di avere forti tensioni alle spalle che sono la conseguenza dell’eccessivo controllo della mano.

Le spalle dovrebbero invece essere più rilassate …… ma è molto difficile controllarle!

Biografia di Vincent van Gogh

Ecco la tecnica da me adottata.


Quadro da persona stravagante di Stefano Busonero

 Stefano Busonero: Quadro da persona stravagante

Amicizia: Quadro da persona stravagante
Stefano Busonero: 197A6 Amicizia, tecnica ad olio, formato 5,5 x 8,5

Questo non è stato un sogno di Busonero.

I due eroi  camminarono fianco a fianco per il mondo ed insieme affrontarono uomini e mostri, ma quando l’uno dei due  fu ucciso, l’altro  invocò Zeus di non lasciarlo solo  ed il dio li trasformò entrambi in una costellazione di stelle.

Il quadro in esame è stato dipinto su supporto di scheda telefonica. La coloristica risulta molto calda, mentre il tema è l’amicizia, ma l’occhio è sempre pronto a spiare!

Il colore è luce, il colore è ombra, ma esso è anche bellezza!

Si vedano anche i miei dipinti microscopici.


un sogno simpaticamente da incubo di Stefano Busonero

Profumi
200A6, Profumi, tecnica ad olio, formato 5,5 x 8,5

Stefano Busonero

L’erborista esce dal convento, alla ricerca di erbe aromatiche, bacche e fiori selvatici, da aggiungere  alle essenze coltivate nell’orto.

Dai loro succhi, tinture ed infusi  creerà liquori e profumi pregiati e pozioni medicamentose.

La pittura, i colori, e tutto il mondo dell’arte emette un vero profumo! …. pregiato!