Elogio alla Pittura di Stefano Busonero

Elogio alla Pittura

L’astrattismo mi rende felice ed allegro. La pittura astratta allieta tutte le mie giornate. Tutto diventa bello e mutevole nella pittura astratta. L’astrattismo mi rapisce, affascina, mi alimenta, mi rafforza. La pittura astratta è una continua metamorfosi di forme e di colori.

011a5-animali
011a5-animali

11) Quante volte mi sono domandato perché un animale non possa vivere nell’acqua! La risposta è sempre la solita: “la mancanza di atmosfera”. Come dovrebbe agire nell’acqua un cane, un gatto un uccello? Mi metto comodamente seduto, medito ed attendo la risposta che non sempre viene puntualmente. Smetto di pensare, mi alzo, lascio il mio studio d’arte e vado a fare una passeggiata ma … la mia mente ormai rimane legata a quella configurazione. Passano soltanto cinque minuti e ritorno in studio, tiro fuori i colori, preparo la tavolozza con gradazioni molto delicate ed inizio a dipingere.

Ma cosa? Sento che una collera profonda mi sta investendo furiosamente, quindi scaravento il pennello verso l’angolo alla mia destra, mi impregno le dita di colore ed inizio a manipolare sul piccolo supporto. La composizione incomincia a prendere forza e, mano a mano che i chiaro-scuri generano le figure volute, termina la mia rabbia. Dimentico l’ambiente che mi circonda e mi immergo nell’acqua insieme ai nascenti animali. Portata a termine l’opera, mi accorgo di avere ben stretto nella mano lo stesso pennello che avevo scagliato lontano da me. Come sia potuto ritornare nella mia mano con lo saprò mai. Il quadro è pronto, è nata la marina, una marina che si osserva dal suo interno: un paesaggio marino ideale!

012A5 Cara Italia
012A5 Cara Italia

12) L’opera d’arte è una delle cose più belle che l’uomo possa fare! Un quadro, una scultura, la creazione di una qualsiasi composizione, rappresentata nei più svariati linguaggi espressivi, crea in noi emozioni diverse. Il colore è la forma espressiva che più mi eccita. Ad esempio il nostro tricolore! Soltanto a pensarlo, lo sento penetrare direttamente nella mia anima, lo ascolto intensamente e mi accorgo che mi rende più forte. Esso apre le porte della mia mente verso l’esterno rendendola più comunicativa. Il flusso uscente diviene talmente grande che mi fa dolcemente naufragare e, quando la dolce tempesta è passata, mi trovo davanti ad un’opera che non finisce mai di eccitarmi.

013A5 Il passero
013A5 Il passero

13) Il passero è il protagonista di questa mia opera. No! Non è quello che si vede raffigurato in primo piano!

Il mio studio d’arte (mia moglie lo chiama atelier!) è vivo! Non esiste una cosa che abbia il suo posto ben definito, non esiste l’ordine: i pennelli, i colori, gli oli, le trementine e tutto l’armamentario cambia ubicazione a seconda delle mie emozioni. Il movimento è vita! Il mio studio artistico voglio vederlo disordinato!  Quando dipingo con molta eccitazione, sono un fiume in piena e non mi accorgo dove ripongo gli strumenti che mi passano tra le mani. Quando li ricerco, sempre sotto l’effetto emozionale, li ritrovo con grandissima naturalezza e porto a termine l’opera senza nessuna interruzione. Ho provato con questo lavoro, a riprodurre l’emozione di ritrovare con naturalezza le cose nascondendo un passero. Sono certo che sarà per voi molto difficile trovarlo girovagando con razionalità nell’interno del quadro! Provate invece ad essere investiti emotivamente in pieno dall’intera forma compositiva!

014A5 Metamorfosi
014A5 Metamorfosi

 14) La metamorfosi di forma, di colore , di sentimento è la caratteristica principale delle mie opere. La metamorfosi è sempre presente. Il mondo esterno è costantemente in piena trasformazione: talvolta amiamo queste trasformazioni talvolta le odiamo ….. questo non dipende soltanto dalla qualità di esse! Molto spesso sappiamo trasformarle noi con il nostro variabile temperamento.

Spesso nella mia mente, una sola emozione assume dieci, cento, mille sapori, ed è come un ciclone che lavora in essa con forza, girando vorticosamente e preparandosi all’esplosione finale. Il risultato è sempre esplosivo: detriti, forme acquose, emozioni ansie paure che vengono espulse violentemente all’esterno della mia mente. Il pennello è il veicolo assoluto e, ogni volta che tocca il supporto emette forti vibrazioni. L’opera d’arte cresce con violenza dal centro alle sue periferie. Un occhio crea, l’altro osserva! Il calmo paesaggio marino si trasforma in una marea che, al suo passaggio, mi scarica e mi rende felice.

015A5 Salviamo le Balene
015A5 Salviamo le Balene

15) La Balena! La balena è un soggetto molto spesso raffigurato nelle mie opere. La balena è un’opera d’arte già prima di essere riportata sulla tela. Le sue titaniche forme hanno il pregio della bellezza e dell’eleganza. Tutto il corpo della balena è armonia: ogni suo movimento è accompagnato da miriadi di altri aggraziatissimi movimenti. Nei miei quadri,  essa viene raffigurata sempre in atteggiamenti di sofferenza e con colori non inerenti alla realtà. L’uomo deve smettere di catturarla!

016A5 Pace e tentazione
016A5 Pace e tentazione

16) Sono in una  piccola casa di campagna in cui regna un disordine creativo, quello in cui ogni cosa trova spontaneamente una collocazione funzionale, l’aria fresca e frizzante è un fluido vitale. Vicino a me ci sono due creature solo apparentemente in antitesi, in realtà complementari poiché costituiscono l’essenza stessa della vita: la colomba ed il serpente, pace e tentazione, ma anche la fiducia metafisica e la razionalità analizzatrice e dirimente che osservano insieme il mondo perché io possa affermare: “homo sum: humani nihil a me alienum puto”  mentre  la natura  osserva , avvolge,  protegge. 

017A5 Cuori
017A5 Cuori

17) Giornata molto dura oggi! Il colore non riesce a stimolarmi. Non lo sento e sono sordo ad ogni fonte emozionale sprigionata dal colore. I toni colpiscono il mio occhio che rimane immobile, fisso, e capisco che non riesce ad indirizzare nessuna vibrazione alla mia mente. La razionalità è staccata nettamente dal sentimento ed il sentimento non riesce ad avere rapporti con il cuore. Tutto dentro di me è statico. Provo a dare forza al blu  ….. niente! Provo ad arricchire le tonalità tendenti al giallo ….. niente! Focalizzo il rosso nella zona aurea del supporto …… finalmente sento che le mie pulsazioni aumentano, la mia mente si riscalda, il respiro diventa più profondo …… sento che l’emozione sale …. il quadro nascerà …. e sarà vivo!

018A5 Little Bang
018A5 Little Bang

18) Ho voluto creare l’impossibile! Il mondo è nato dalla grande esplosione, che tutt’ora è in atto nell’universo e che continua ad espandersi a velocità incredibile in un tempo con infinite configurazioni. Il voler abbracciare questa esplosione, con il solo pensiero, mi fa naufragare e mi fa sentire angosciosamente solo. Fuggo immediatamente da questa sensazione di impotente solitudine …. prendo il pennello, i colori, il supporto plastificato e cerco di descrivere con il mio linguaggio espressivo la toccante emozione. Quando riguardo l’opera terminata mi accorgo di aver amplificato lo smarrimento, la desolazione, la solitudine! la montagna ha partorito il topolino!

019A5 Viva l'acqua
019A5 Viva l’acqua

19) Il paesaggio marino, la marina tipica ed in genere l’acqua allo stato puro, sono già opere d’arte. L’acqua mi affascina e mi rilassa. Mentre cerco di raffigurarla nella tela, sento il suo gradevole suono che arricchisce la mi fantasia entrando in armonia con il cromatismo coloristico. Un crescendo in una sinfonia. fatta di suoni e di colori, mi accompagna per tutto il tempo. Cerco di immaginare il mare sopra la montagna e automaticamente lo sento scorrere con dolcezza …… mi fermo, l’ascolto mi faccio inondare, riprendo a dipingere con gestualità spontanee e nasce un’opera che registra un altra la mia emozione!

020A5 Notte dei tempi
020A5 Notte dei tempi

20) Continuando a parlare di acqua posso affermare che, se non evaporasse, sarebbe un ottimo pigmento. La inserirei in tutte le mie opere senza tanto pensarci. Delle marine io preferisco la loro profondità. Una profondità non intesa in senso prospettico ma in senso fluido. Nei miei quadri cerco sempre di impegnarmi per dare corpo alla profondità marina…… dargli quella giusta forza emozionale che mi fa sentire avvolto da essa ….. sentire la corrente marina che mi colpisce…. vedere le forme che si perdono e si trasformano allontanandosi,  sentirne il freddo …… Mi sveglio e ….. il quadro è portato a termine. Chi l’ha realizzato?

precedente      continua


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *