Metamorfosi coloristica blu

Stefano Busonero

Metamorfosi
117A5 Metamorfosi, tecnica ad olio, formato 5,5 x 8,5

prossimo

I naviganti approdarono all’isola  dopo lungo vagare nel mare in tempesta, e cercarono l’acqua. Dalla fonte  sgorgava uno strano fluido che, pur scorrendo lungo il declivio come acqua, non era mai limpido nei tratti dove il pendio era poco pronunciato assomigliava , quanto a consistenza, ad una sostanza gelatinosa, amorfa, ma dove precipitava a cascata assumeva un’apparenza diafana.  Nel suo fluire  presentava varie  iridescenze violette, come di seta cangiante. Il liquido pareva formato da tante vene separate, immiscibili, di colorazione differente, anche se la coesione tra l’una e l’altra era perfetta. Immergendovi la lama di un coltello, il liquido vi si richiudeva  sopra e, ritirandola, ogni traccia  della sua presenza scompariva. Gli abitanti dell’isola erano immortali: quella era l’ambrosia degli dei!

Il colore blu è meraviglioso! Nei miei quadri faccio di esso un larghissimo impiego. Preferisco comunque il blu oltremare ed il blu cyan. Il rosso ed il giallo, colori indispensabili al pittore mi danno altri tipi di emozione, che non riesco a paragonare a quelli del colore blu.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *