Testo e accordi di Un gelato al limon

Scarica il file della canzone:

Testo e accordi di Un gelato al limon in pdf

“Un gelato al limon” è una famosa canzone italiana scritta e musicata dal cantautore Paolo Conte. L’autore per il disco di “Un gelato al limon”, lasciando il suo abituale produttore Lilli Greco, si rivolse a Nanni Ricordi, il quale affidò gli arrangiamenti a Claudio Fabi e consigliò di rinnovare il lavoro di Conte: lo studio di registrazione venne quindi rinnovato – come pure i musicisti – e si passò agli Stone Castle Studios di Carimate.

Tra i nuovi musicisti si ricordano Franco Mussida, Patrick Djivas e Walter Calloni, rispettivamente chitarrista, bassista e batterista. I primi due appartenevano alla Premiata Forneria Marconi, mentre l’altro stava entrando in quel periodo nella stessa band. Questi furono affiancati dall’ argentino Juan Carlos “Flaco” Biondini, chitarrista che solitamente accompagnava Guccini, e Salvatore Giumento, un clarinettista siciliano di musica jazz.

La registrazione di “Un gelato al limon” venne realizzata nella primavera del 1979.

I tecnici del suono furono Dave Bellotti, Luca Rossi e Ruggero Penazzo, mentre il mixaggio venne affidato a Claudio Fabi, Dave Bellotti e Roberto Manfredi.

La canzone in relazione alle vendite ebbe scarso successo, tuttavia riuscì via via ad ottenere l’approvazione del grande pubblico e far attirare l’attenzione sul cantautore astigiano, anche grazie ad altri brani come Bartali e Sudamerica, entrambi cantati da Enzo Jannacci intorno allo stesso periodo. Anche la title track rockeggiata di Dalla e De Gregori contribuì al successo della canzone in esame.

Qui sotto è riportato il testo integrale della canzone:

Un gelato al limon

gelato al limon

gelato al limon

spofondati in fondo a una città

un gelato al limon

è vero limon.

Ti piace?

Mentre un`altra estate passerà

libertà e perline colorate

ecco quello che io ti darò

e la sensualità delle vite disperate

ecco il dono che io ti farò

donna che stai entrando nella mia vita

con una valigia di perplessità

ah, non avere paura che sia già finita

ancora tante cose quest’uomo ti darà.

E un gelato al limon

gelato al limon

gelato al limon

sprofondati in fondo a una città.

Un gelato al limon

gelato al limon

gelato al limon

mentre un’altra estate se ne va …

Ti offro una doccia ai bagni diurni

che son degli abissi di tiepidità

dove come oceani notturni

rimbombano le voci della tua città

e ti offro la luna del pomeriggio

per il sogno arabo che ami tu

e una stretta forte della mia mano

per te donna che non mi scappi più …

E un gelato al limon

gelato al limon,

gelato al limon

E ti offro l’intelligenza degli elettricisti

cosi almeno un po’ di luce avrà

la nostra stanza negli alberghi tristi

dove la notte calda ci scioglierà.

Come … un gelato al limon,

gelato al limon,

gelato al limon …


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *