Spartito, testo e accordi di Moliendo cafè

La canzone in esame fu scritta nel 1958 da Hugo Blanco, un compositore venezuelano che allora aveva appena 18 anni. La versione originale venne pubblicata per la prima volta nel 1961 in Argentina con il cantante Mario Suárez.

Secondo alcuni critici, Hugo Blanco fu aiutato da suo zio Jose Manzo Perroni, che addirittura cercò di rivendicarne la paternità negli anni seguenti, perseguendo vie legali, ma senza successo.

Per quanto riguarda la prima registrazione alcuni studiosi ritengono che sia stata interpretata dalla cantante cubana Xiomara Alfaro in lingua spagnola (versione ancor più riuscita e celebre di quella di Suàrez).

Moliendo cafè fu cantata anche dalla nostra grande Mina che, nel 1962, la portò nella hit Parade dei singoli più venduti.

Attualmente il pezzo, ormai conosciuto in tutto il mondo, è cantato in più di 800 versioni. In Giappone ed in Indonesia il titolo fu cambiato rispettivamente in: “Coffe Rumba” e “Kopi Dangdut”.

In Europa, in contemporanea con Mina, Moliendo cafè veniva lanciata in tutto il continente europeo dal gruppo Digno Garcia Y Sus Carios.

Qui sotto è riportato il testo della canzone:

Cuando la tarde languidece

renacen las sombras

y en la quietud los cafetales

vuelven a sentir

esta triste canción de amor

de la vieja molienda

en el letargo de la noche

parece decir…

Una pena de amor

una tristeza

lleva el zambo Manuel

en su amargura

pasa incansable la noche 

Nel video sottostante è rappresentata una mia interpretazione con la chitarra (Duo Findi e Giocatore)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *