Testo e accordi di "La donna cannone"

Scarica il file della canzone:

Testo e accordi di “La donna cannone in pdf

La donna cannone è una celebre canzone italiana lanciata e scritta nel 1983 da Francesco De Gregori. Incisa per la prima volta nel singolo il cui lato B conteneva “Canta canta”, la canzone in esame è uno dei pezzi più noti ed uno dei cavalli di battaglia del noto cantautore romano; fa parte di più album, sia nella versione in studio di incisione, sia in versione “live”.

Recentemente (2014) fu sottoposta ad nuovo arrangiamento da parte dell’autore in collaborazione con Nicola Piovani ed inserita nell’album “Vivavoce”.

Il testo della fortunata canzone si ispira ad un articolo di cronaca che descriveva le difficoltà di un circo ormai diventato orfano del suo più spettacolare numero di esibizione, fuggito per inseguire un grande amore nonostante le ferree “regole del circo” in vigore a quel tempo: la donna “cannone” cerca un amore irraggiungibile.

Il brano venne usato anche come musica da sottofondo per le scene finali di “Flirt”, un film di Roberto Russo e Monica Vitti, uscito nell’anno della prima pubblicazione.

Sotto è riportato il testo integrale della canzone:

Butterò questo mio enorme cuore tra le stelle un giorno,

giuro che lo farò,

e oltre l’azzurro della tenda nell’azzurro io volerò.

Quando la donna cannone d’oro e d’argento diventerà,

senza passare dalla stazione l’ultimo treno prenderà.

E in faccia ai maligni e ai superbi il mio nome scintillerà,

dalle porte della notte il giorno si bloccherà,

un applauso del pubblico pagante lo sottolineerà

e dalla bocca del cannone una canzone suonerà.

E con le mani amore, per le mani ti prenderò

e senza dire parole nel mio cuore ti porterò

e non aver paura se non sarò come bella come dici tu

ma voleremo in cielo in carne ed ossa, non torneremo….

Più, uuu uuu uuu uuu na na na na na

E senza fame e senza sete

e senza aria e senza rete voleremo via.

Così la donna cannone, quell’enorme mistero volò,

sola verso un cielo nero s’incamminò.

Tutti chiusero gli occhi nell’attimo esatto in cui sparì,

altri giurarono e spergiurarono che non erano rimasti lì.

E con le mani amore, per le mani ti prenderò

e senza dire parole nel mio cuore ti porterò

e non aver paura se non sarò come bella come dici tu

ma voleremo in cielo in carne ed ossa, non torneremo….

Più, uuu uuu uuu uuu na na na na na.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *