Testo e accordi di Diamante

Scarica il file della canzone:

Testo e accordi di Diamante in pdf

Diamante è una celebre canzone italiana cantata e scritta da Zucchero Fornaciari in collaborazione con Francesco De Gregori. Il singolo, diffuso nel 1989, venne estratto dall’album “Oro, incenso e birra” dello stesso Zucchero, uscito poco prima (ma sempre nello stesso anno).

Come ci racconta lo stesso Fornaciari, Diamante è dedicata alla propria nonna ma il testo fu composto da Francesco De Gregori per la seguenta ragione: «Non mi sentivo di scriverlo io perché temevo di essere troppo coinvolto, e di fare una cosa sdolcinata. Volevo un quadro a colori pastello, la trasparenza, la serenità, la pulizia dei testi di De Gregori, anche per chiudere il disco con un accenno di speranza, dopo tanti pezzi così tribolati».

Sotto è riportato il testo integrale della canzone:

Respirerò, 
l'odore dei granai 
e pace x chi ci sarà 
e per i fornai
pioggia sarò
e pioggia tu sarai
i miei occhi si chiariranno
e fioriranno i nevai.
Impareremo a camminare
x mano insieme a camminare
domenica.
 
Aspetterò che aprano i vinai
più grande ti sembrerò
e tu più grande sarai
nuove distanze
ci riavvicineranno
dall'alto di un cielo, Diamante,
i nostri occhi vedranno.
 
Passare insieme soldati e spose
ballare piano in controluce
moltiplicare la nostra voce
x mano insieme soldati e spose.
Domenica, Domenica
 
Fai piano i bimbi grandi non piangono
fai piano i bimbi grandi non piangono
fai piano i bimbi grandi non piangono
 
Passare insieme soldati e spose
ballare piano in controluce
moltiplicare la nostra voce
passare in pace soldati e spose.
 
"Delmo, Delmo vin a' cà..."
 
Dedicata a Diamante Arduini Fornaciari


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *