Testo e accordi di come è profondo il mare

Scarica il file della canzone:

Testo e accordi di Com’è profondo il mare in pdf

Come è profondo il mare è una famosa canzone italiana cantata e scritta (musica e testo) dal cantautore Lucio Dalla appartenente al suo settimo album (disco di studio), inciso nel 1977 ed intitolato, per l’appunto, “Com’è profondo il mare” .

La raccolta del brano in esame risulta come la prima in cui il famoso cantautore vi abbia scritto musica e testi. Fu il grande successo di questo l’album ad iniziare la consacrazione del talento di Lucio Dalla. I produttori del disco, che è stato inciso negli studi della RCA romana e negli Stone Castle Studios di Carimate, sono Renzo Cremonini ed Alessandro Colombini.

Sotto è riportato il testo integrale della canzone:

Ci nascondiamo di notte
Per paura degli automobilisti
Degli inotipisti
Siamo i gatti neri
Siamo i pessimisti
Siamo i cattivi pensieri
E non abbiamo da mangiare
Com'è profondo il mare
Com'è profondo il mare 
Babbo, che eri un gran cacciatore
Di quaglie e di faggiani
Caccia via queste mosche
Che non mi fanno dormire
Che mi fanno arrabbiare
Com'è profondo il mare
Com'è profondo il mare 
E' inutile
Non c'è più lavoro
Non c'è più decoro
Dio o chi per lui
Sta cercando di dividerci
Di farci del male
Di farci annegare
Com'è profondo il mare
Com'è profondo il mare 
Con la forza di un ricatto
L'uomo diventò qualcuno
Resuscitò anche i morti
Spalancò prigioni
Bloccò sei treni
Con relativi vagoni
Innalzò per un attimo il povero
Ad un ruolo difficile da mantenere
Poi lo lasciò cadere
A piangere e a urlare
Solo in mezzo al mare
Com'è profondo il mare 
Poi da solo l'urlo
Diventò un tamburo
E il povero come un lampo
Nel cielo sicuro
Cominciò una guerra
Per conquistare
Quello scherzo di terra
Che il suo grande cuore
Doveva coltivare
Com'è profondo il mare
Com'è profondo il mare 
Ma la terra
Gli fu portata via
Compresa quella rimasta addosso
Fu scaraventatoIn un palazzo,in un fosso
Non ricordo bene
Poi una storia di catene
BastonateE chirurgia sperimentale
Com'è profondo il mare
Com'è profondo il mare 
Intanto un mistico
Forse un'aviatore
Inventò la commozione
E rimise d'accordo tutti
I belli con i brutti
Con qualche danno per i brutti
Che si videro consegnare
Un pezzo di specchio
Così da potersi guardare
Com'è profondo il mare
Com'è profondo il mare 
Frattanto i pesci
Dai quali discendiamo tutti
Assistettero curiosi
Al dramma collettivo
Di questo mondo
Che a loro indubbiamente
Doveva sembrar cattivo
E cominciarono a pensare
Nel loro grande mare
Com'è profondo il mare
Nel loro grande mare
Com'è profondo il mare 
E' chiaro
Che il pensiero dà fastidio
Anche se chi pensa
E' muto come un pesce
Anzi un pesce
E come pesce è difficile da bloccare
Perchè lo protegge il mare
Com'è profondo il mare 
Certo
Chi comanda
Non è disposto a fare distinzioni poeti
cheIl pensiero come l'oceano
Non lo puoi bloccare
Non lo puoi recintare
Così stanno bruciando il mare
Così stanno uccidendo il mare
Così stanno umiliando il mare
Così stanno piegando il mare


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *