Sempre con i tre colori base

dipingere al di là della tecnica
Dipingere al di là della tecnica, col cuore e l’emozione

I tre colori base devono essere sempre presenti sulla tela in modo equilibrato. 

Fate in modo che i tre colori base siano sempre presenti sul quadro.

Il blu, il rosso ed il giallo non debbono mai mancare nell’intero contesto pittorico.

Non sto a soffermarmi troppo nello spiegare che non sto parlando di colori puri ma di tendenze (ampiamente spiegate nel corso di pittura).

La mancanza di una di queste tre tendenze viene percepita non soltanto dall’occhio, ma dal profondo del cuore dell’osservatore, che soffre di inappagamento.

Con questo, non esagerate calcolando scientificamente il giusto equilibrio, ma sappiate farne buon uso.

Imparatevi a riconoscere – e questo è molto facile – le varie tendenze di tonalità che sono globalmente soltanto tre. Più tardi, accumulando esperienza, vi accorgerete che sono di un numero molto, molto, molto più alto di tre, cioè infinite.

Il mio consiglio è sempre stato quello di partire con una tela già ricoperta di colore che comprende tutte e tre le tendenze.

A quadro portato a termine, provate a percepire la mancanza di una di queste tre tendenze. Agli inizi è un po’ difficile ma poi vi accorgerete che la cosa diventerà automatica e sarà il vostro stesso “gusto” ad aiutarvi a dare un giusto equilibrio alle vostre pitture.

Articolo precedente: L’importanza del colore grigio

Articolo successivo: La luce ed il buio


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *