Glossario di chitarra lettera B

BARRA DI RINFORZO ovvero Truss rod: tutte le chitarre acustiche sono provviste di una barra di rinforzo metallico all’interno del manico. In questa maniera il manico viene rinforzato ed è pronto per controbilanciare la tensione delle corde. Il truss rod, salvo in rari casi,  è regolabile ed è possibile cioè conferirgli il giusto grado di curvatura nel manico.

BATTIPENNA (in inglese Pickguard): è una sottilissima piastra adesiva, generalmente in plastica, che si pone sulla tavola armonica sotto le corde. Serve da appoggio, in alcuni stili musicali, per la mano destra offrendo una superficie di diversa natura, e come protezione contro i continui urti (devastanti alla lunga per la chitarra) del plettro o delle unghie contro il legno della tavola armonica. Le forme sono moltissime, come pure le loro figure decorative. Va detto tuttavia, che molti esperti ritengono che la sua applicazione influisca sonoramente, in modo negativo, sulla sonorità della tavola armonica.

BATTUTA: la battuta o MISURA nel rigo musicale (pentagramma musicale) è definita da due stanghette. L’ultima misura viene chiusa da una doppia stanghetta.

Banjo: è uno strumento musicale a corde a cassa tonda e fondo piatto formato da una una pelle in tensione. Il Banjo ha un numero variabile di corde, che vanno da un minimo di quattro ad un massimo di nove. È di origine africana e venne introdotto dagli schiavi negri in America. In breve tempo diventò uno strumento di fondamentale importanza nella musica jazz e nella musica folk

BE-BOP: è questo uno stile jazz che ha origini americane. Già dalla sua nascita, negli anni 40, si allaccia allo stile del blues ed ha la caratteristica del costante impiego di accordi alquanto dissonanti, con note fuori armonia e più libertà dei mezzi ritmici. Tra i più grandi esponenti del Be-Bop vi sono D.Gillespie, C.Parker, T.Monk, M.Roach e molti altri.

BEMOLLE: è l’alterazione di una nota, abbassata di un semitono. Il doppio bemolle abbassa la nota di un tono. In teoria quest’ultimo non dovrebbe essere impiegato, dal momento che la nuova nota porterebbe coincidere con figure più semplici (una nota non alterata, oppure alterata di un solo semitono), tuttavia è necessario il suo impiego nelle varie tonalità, per non stravolgere configurazione scritta del pezzo.

BENDING: è questa una tecnica della mano sinistra, la quale consiste nel premere la corda con più forza, spingendola verso l’alto o il basso, durante l’esecuzione di brani musicali. In questo modo si raggiungono intervalli microtonici (comme) tra le note. È questa una delle tecniche fra le più importanti, specialmente nel rock.

BINDING: è un filetto posto lungo gli spigoli della cassa-manico che ha funzione di protezione oltre quella di estetica. Molto spesso viene riportata nei cromatismi e nella materia intorno alla buca. Generalmente il binding viene fatto in materiali lignei o in plastica. Un tempo, le chitarre più pregiate portavano il binding in osso di tartaruga e in avorio.

BISCROMA: per biscroma o trentaduesimo s’intende una nota o una pausa della durata di un trentaduesimo di battuta (o di una semibreve)

BLUEGRASS: termine inglese, “erba blu”, che  indica una sottocategoria della musica Coutry. Caratteristiche principali di questo genere di musica,  sono il suo ritmo molto sostenuto ed il numeroso impiego di strumenti a corda come il banjo, il  mandolino e la chitarra che eseguono freneticamente melodie seguendo un potente tappeto acustico offerto dal tradizionale contrabbasso, o talvolta, dal basso elettrico.

BLUES: è questo un canto di origine negra, che ebbe grandissima diffusione già dagli inizi della seconda metà dell’Ottocento negli sterminati campi di lavoro, situati nella parte sud degli USA. Canti di semplice ispirazione profana, talvolta, con funzione liberatoria dalla schiavitù. Questo genere fu definito “musica del diavolo”, ma esistono altri rami di blues religiosi, con argomenti funebri. La combinazione tra il blues ed il ragtime pianistico ha creato la prima forma di jazz.

BOOGIE WOOGIE: è uno stile della jazz music che corrisponde alla versione del Blues per pianoforte. Si diffonde a Chicago nel periodo 1910 – 1930. Nel Boogie Woogie è caratteristico l’accompagnamento del basso insistente  in determinati movimenti della mano sinistra (talvolta in contrattempo con l’altra mano) e dalla continua ripetizione di soliti frammenti musicali. L’orchestra più famosa che ha suonato questo genere di musica è certamente quella di Count Basie.

BOTTLENECK (In inglese significa collo di bottiglia) o SLIDE: è un cilindro di vetro o di metallo con una cavità dove viene inserito il dito della mano sinistra (generalmente il mignolo o l’anulare) per ottenere, in accordatura aperta, efficacissimi effetti slide (a dire il vero lo slide è metallico mentre il bottleneck è di vetro, ma la tecnica è uguale). Il bottleneck viene  impiegato  in modo particolare nel blues con grandissimi effetti, e funziona bene sia sulla chitarra elettrica che su quelle classica ed acustica. Il termine inglese bottleneck deriva appunto dal fatto che venivano impiegati dei veri e propri colli rotti di bottiglia. Lo slide va leggermente appoggiato alle corde e, portato in movimento lungo la tastiera, ottenendo tutti i semitoni e le comme tra un semitono e l’altro. Per questo, ci fu, a suo tempo, un tentativo per imitare l’espressione della voce umana. Per lo slide si preferisce una chitarra con action abbastanza alto in modo che venga ridotta possibilità di generare di strani “ronzii” sui tasti.

BREVE: è una nota o pausa che oggi corrisponderebbe alla durata di due battute da 4/4. Si usava fino al 1500 per le battute da 8/4

BRIDGE (in spagnolo puente): è il ponticello della chitarra, situato sulla tavola armonica, che ospita l’ossicino.

BRIDGE-SADDLE: è l’ossicino (ampiamente descritto alla pagina “O”). In spagnolo si usa il termine hueso.

BRUGOLA: La brugola è una vite con una concavità ad esagono nella sua sommità (testa della vite) che viene azionata con un’apposita chiave. La brugola è tipica del truss rod.

BOCA: termine spagnolo per indicale la buca (sotto descritta)

BUCA (Soundhole):è l’apertura, solitamente tonda con un diametro generalmente 10 cm., sulla tavola armonica della chitarra.

BULERIA: è un ritmo flamenco come il soleares e l’alegrias ma molto più veloce. Il suo compas (struttura ritmica) è dodici movimenti con accenti forti sul terzo, sesto e ottavo, accenti sul decimo e dodicesimo e mancanza di accenti nei rimanenti movimenti.

Glossario chitarra: A B C (D-E)  F (G-H-I-J-K) (L-M-N-O) (P-Q) (R-S) (T-U-V-W-X-Y-Z)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *