Lezione di chitarra n° 18: Arpeggi e terzine

Arpeggi e terzine (dal metodo di Matteo Carcassi)

 In questo esercizio si impiegano soltanto il pollice ed il medio della mano destra. Le note della prima corda (Mi e Fa) debbono essere appoggiate. Assicurarsi che il dito medio si fermi sulla corda sottostante.

Se si è alle prime armi l’azione simultanea pollice-medio risulta un po’ difficile e in alcuni casi il medio non colpisce la corda sottostante ma quella ancora più sotto.

Ascoltate attentamente che le prime note delle terzine vibrino in simultanea con le semiminime.

Per quanto riguarda il cambio di posizione da Do maggiore a Sol settima, non c’è nessun problema perché avviene durante la vibrazione di una corda a vuoto (quella del Sol).

Lezione di chitarra n° 18: Arpeggi e terzine


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *