Somigliante minore della scala Maggiore (o relativa minore)

Come abbiamo già accennato nella pagina dei modi maggiori e minori, analizzando bene la struttura della scala maggiore si riscontra una certa similitudine di sequenza con la struttura della scala minore. Si noterà che i suoni, disposti con un certo sfasamento, possono formare un modo minore naturale.

Riferiamoci ad esempio alla scala di Do maggiore che è “Do, Re , Mi, Fa, Sol, La, Si, Do”. Dal momento che nessuna regola ci impedisce di aggiungere ad essa altre note in ascesa ed altre in discesa, potremo presentarla iniziando dal La, ovvero: La, Si, Do, Re, Mi, Fa, Sol, La, Si, Do.

Osservando bene la disposizione dei gradi – ad iniziare dalla nota di La – ci accorgiamo che la sequenza in ascesa è: un tono tra il primo ed il secondo grado, un semitono fra il secondo ed il terzo, un tono fra il terzo e quarto, tono fra quarto e quinto, un semitono fra quinto e sesto, un tono fra sesto e settimo, un tono fra settimo e ottavo grado.

Dall’esempio sopra riportato si dedurrà come fra modi, maggiore e minore, vi sia un certo rapporto, dovuto alla somiglianza delle note impiegate per le due scale. Con questo potremo certamente contrapporre ad ogni scala maggiore una del modo minore che gli somigli nella sequenza dei suoni e nelle alterazioni.

Ogni scala minore, quindi, è sempre derivata da una maggiore, e viene definita come “somigliante minore” (o “relativa minore”). Quest’ultima ha per base il sesto grado di ogni scala maggiore. In una qualsiasi scala maggiore si troverà la relativa minore partendo dal sesto grado. Scendendo di un tono e mezzo dalla dalla tonica di una scala maggiore si otterrà lo stesso risultato.

modo maggiore
Scala di Do maggiore

Le alterazioni costanti (alterazioni in chiave), impiegate per il modo maggiore servono anche per il modo minore. Nella tabella sotto riportata presentiamo tutte le tonalità maggiori con le loro “somiglianti minori” e con i grafici relativi alle alterazioni costanti. Le scale minori sono del tipo “naturale”.

  • Do maggiore e La minore:
Naturale
Naturale

Scala di Do maggiore: Do – Re – Mi – Fa – Sol – La – Si – Do.  Scala di La minore: La – Si – Do – Re – Mi – Fa – Sol – La.

  • Sol maggiore e Mi minore:
un diesis
un diesis

Scala di Sol maggiore: Sol – La – Si – Do – Re – Mi – Fa# – Sol. Scala di Mi minore: Mi – Fa# – Sol – La – Si – Do – Re – Mi.

  • Re maggiore e Si minore:
due diesis
Due diesis

Scala di Re maggiore: Re – Mi – Fa# – Sol – La – Si – Do# – Re. Scala di Si minore: Si – Do# – Re – Mi – Fa# – Sol – La – Si.

  • La maggiore e Fa# minore:
tre diesis
Tre diesis

Scala di La maggiore: La – Si – Do# – Re – Mi – Fa# – Sol# – La. Scala di Fa# minore: Fa# – Sol# – La – Si – Do# – Re – Mi – Fa#.

  • Mi maggiore e Do# minore:
quattro diesis
Quattro diesis

Scala di Mi maggiore: Mi – Fa# – Sol# – La – Si – Do# – Re# – Mi. Scala di Do# minore: Do# – Re# – Mi – Fa# – Sol# – La – Si – Do#.

  • Si maggiore e Sol# minore:
cinque diesis
Cinque diesis

Scala di Si maggiore: Si – Do# – Re# – Mi – Fa# – Sol# – La# – Si. Scala di Sol# minore: Sol# – La# – Si – Do# – Re# – Mi – Fa# – Sol#.

  • Fa# maggiore e Re# minore:
sei diesis
Sei diesis

Scala di Fa# maggiore: Fa# – Sol# – La# – Si – Do# – Re# – Mi# – Fa#. Scala di Re# minore: Re# – Mi# – Fa# – Sol# – La# – Si – Do# – Re#.

  • Do# maggiore e La# minore:
sette diesis
Sette diesis

Scala di Do# maggiore: Do# – Re# – Mi# – Fa# – Sol# – La# – Si# – Do#. Scala di La# minore: La# – Si# – Do# – Re# – Mi# – Fa# – Sol# – La#.

  • Fa maggiore e Re minore:
un bemolle
Un bemolle

Scala di Fa maggiore: Fa – Sol – La – Sib – Do – Re – Mi – Fa. Scala di Re minore: Re – Mi – Fa – Sol – La – Sib – Do – Re.

  • Si bemolle maggiore e Sol minore:
due bemolle
Due bemolle

Scala di Sib maggiore: Sib – Do – Re – Mib – Fa – Sol – La – Sib. Scala di Sol minore: Sol – La – Sib – Do – Re – Mib – Fa – Sol.

  • Mi bemolle maggiore e Do minore:
tre bemolli
Tre bemolle

Scala di Mib maggiore: Mib – Fa – Sol – Lab – Sib- Do – Re – Mib. Scala di Do minore: Do – Re – Mib – Fa – Sol – Lab – Sib- Do.

  • La bemolle maggiore e Fa minore:
quattro bemolli
Quattro bemolle

Scala di Lab maggiore: Lab – Sib – Do – Reb – Mib – Fa – Sol – Lab. Scala di Fa minore: Fa – Sol – Lab – Sib – Do – Reb – Mib – Fa.

  • Re bemolle maggiore e Si bemolle minore:
cinque bemolli
Cinque bemolle

Scala di Reb maggiore: Reb – Mib – Fa – Solb – Lab – Sib – Do – Reb. Scala di Sib minore: Sib – Do – Reb – Mib – Fa – Solb – Lab – Sib.

  • Sol bemolle maggiore e mi bemolle minore:
sei bemolli
Sei bemolle

Scala di Solb maggiore: Solb – Lab – Sib – Dob – Reb – Mib – Fa – Solb. Scala di Mib minore: Mib – Fa – Solb – Lab – Sib – Dob – Reb – Mib.

  • Do bemolle maggiore e La bemolle minore:
sette bemolli
Sette bemolle

Scala di Dob maggiore: Dob – Reb – Mib – Fab – Solb – Lab – Sib – Dob. Scala di Lab minore: Lab – Sib – Dob.- Reb – Mib – Fab – Solb – Lab.

Riflettendo sulla tabella sopra riportata appare un’evidente perplessità: le tonalità rappresentate sono 15 nel modo maggiore ed altrettante nel modo minore, ovvero un totale di 30. Riferendoci all’ottava della tastiera della chitarra – che si ripete ogni dodici tasti – risulta evidente che le note esistenti sono dodici e non quindici. Ma se osserviamo più attentamente il tabulato ci accorgiamo che il Si maggiore, il Fa# maggiore ed il Do# maggiore – con le rispettive tonalità minori – sono le stesse rappresentate dal Dob maggiore, Solb maggiore e Re bemolle maggiore.

Possiamo quindi concludere che ai fini dell’ascolto esistono 24 tonalità, mentre graficamente ne esistono -a tutti gli effetti- 30.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *