Dipingere gli occhi ad olio

L’occhio umano: disegno e pittura

Amo dipingere gli occhi. Questi sono presenti nella maggior parte dei miei quadri. Li dipingo in tutte le espressioni, anche in quelle fantasiose. Gli occhi sono gli organi che riflettono in maniera più evidente i nostri stati d’animo. Non volendomi dilungare in lunghe,  pesanti ed inutili premesse, passo direttamente alla tecnica.

Occorre innanzitutto imparare a disegnarli. Se si tiene conto di alcune cose, disegnare un occhio diventa molto facile. Sicuramente più facile di un naso e di una bocca, per non parlare dell’orecchio. Bisogna sempre partire dal presupposto che l’occhio non è soltanto quello che vediamo, ma anche i suo l’interno, cioè la grossa palla che ha una sua collocazione e che influisce a configurare la parte esterna del viso in corrispondenza di quella zona. Quando gli occhi sono semichiusi, le palpebre aderiscono uniformemente alla grossa palla, quindi occorre tenerne conto.

L’occhio, una volta disegnato, va dipinto. Bisogna iniziare con colori diluiti, rispettando soprattutto l’equilibrio dei chiaroscuri, senza pensare tanto a dargli il tono giusto … anzi la raccomandazione è di variare molto i colori accostati gli uni agli altri, tenendo presente che dopo bisognerà stenderci per sopra altro colore. È sempre bene che sul fondo ci sia ricchezza di gamme cromatiche. Quali? Quelle che volete, purché siano variabili ed accostate, perciò non sfumate. Generalmente, sul fondo è bene che ci siano i tre colori base, ma debbono comunque essere rispettati rigorosamente i chiaroscuri. Non schiarite solo col bianco ma, alcune parti col giallo alcune con altre tendenze. Stessa cose per scurire, non fatelo soltanto col nero ma usate anche terra verde, terra d’ ombra bruciata, blu, garanza ecc. Se non avete molta fantasia di colori prendete una foto d’arcobaleno e seguite i colori dell’iride verso il chiaro e verso lo scuro. Non sfumate.

base occhio profilo
base occhio profilo: il proseguimento del bulbo oculare visto di profilo
Il proseguimento del bulbo oculare
Il proseguimento del bulbo oculare visto di fronte

Riporto sommariamente qui appresso alcune fasi per disegnare gli occhi con la tecnica a matita. Iniziare con una matita sottile e tenera, lavorare con mano assai leggera. Nella seconda fase rafforzate i contrasti e quindi passate a definire bene i particolari.

 occhio semichiuso profilo 1
Fase 1: disegno sommario
occhio semichiuso profilo 2
Fase 2: luci ed ombre leggere
occhio semichiuso profilo
Fase 3: definizione dei particolari 

Altro disegno:

base occhio frontale 1
Fase 1 disegno sommario
Fase 2 luci ed ombre leggere
Fase 2 luci ed ombre leggere
occhio frontale
Fase 3 definizione dei particolari  
Altro disegno:
occhio tre quarti 1
Fase 1 disegno sommario
occhio tre quarti 2
Fase 2 luci ed ombre leggere
occhio tre quarti
Fase 3 definizione dei particolari 

In un occhio dipinto, la sua luminosità dipende, naturalmente dalle ricche gamme cromatiche, ma di particolare effetto è quel puntino chiarissimo sull’iride, sapientemente riportato dal pittore.

occhio chiuso profilo 1
Si noti la palla dell’occhio sotto la palpebra
occhio chiuso profilo
Occhio chiuso visto di profilo  
occhio profilo
Occhio visto quasi di profilo
occhio dal basso
Occhio in tre quarti visto dal basso
occhio semichiuso frontale
Occhio semichiuso visto frontalmente
 occhio chiuso frontale
Occhio chiuso visto frontalmente


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *