Prima fase per dipingere il paesaggio ad olio

Comporre esprimere e realizzare

Come potete osservare nella  foto n° 8, si tratta di un tema molto comune, cioè una campagna che ho iniziato dando importanza alla sezione aurea che ho calcolato ad occhio (foto n°4).

Più che calcolarla, la sezione aurea, l’ho scelta perché in una tela ci sono 4 sezioni auree: alta-sinistra, bassa sinistra, alta destra e bassa-destra. Questi quattro punti sono, a detta degli esperti, i punti dove cade l’occhio dell’osservatore, e quindi bisogna inserirci le cose che riteniamo siano di una certa importanza. La sezione che ho scelto è la alta-destra e, con un po’ di ragionamento si possono trovare anche le altre tre. Ho poi fatto una breve riflessione sulla composizione ed una interpretazione per una più libera espressione, senza essere stato troppo rigido nel rispettare la struttura globale, offerta da questo paesaggio agreste. Osservate, nella foto finale , come ho evidenziato la linea della sezione aurea, facendola coincidere con l’albero e le casette. Si veda anche come sono state diversificate la forma e l’altezza della collina sullo sfondo, dando a questa, nonostante i toni “smorzati”, ricche variazioni cromatiche.

Le varie fasi della realizzazione del paesaggio

  • 1 – Ho preso una nuova tela e con un grande pennello ho steso i tre colori di base. Se volete potrete anche dipingere su una tela vuota ma il mio consiglio è quello di partire sempre con sul fondo i tre colori base, un po’ schiariti col bianco. Per avere una rapida essiccazione si possono usare, per il fondo, i colori acrilici. Questa pittura trasparirà e darà tono ai colori che verranno stesi in seguito. L’occhio li percepirà ma non si renderà mai conto da dove provengono questi toni. Se poi queste grandi macchie vi danno fastidio durante l’esecuzione potrete scegliere di dipingere su una superficie a colore omogeneo, che sarà sempre meglio della tela bianca.
  • 2 – Si dispongono le macchie scure (alberi, cespugli, vegetazione, masse collinari ecc. Basta un semplice colore scuro uscito dal tubetto: una terra d’ombra oppure una mescolanza tra blu oltremare e lacca di garanza, oppure qualsiasi altro colore, purché abbastanza scuro. Preferite un colore diluito con un po’ di trementina, perché dovrete stenderci sopra altri colori. Una buona regola è sempre grasso su magro e mai l’inverso.
Preparazione della tela con i tre colori base
1 – Preparazione della tela con i tre colori base
Disposizione delle masse
2 – Disposizione delle masse

Continuano le altre fasi che saranno poi descritte nella pagina successiva

primo abbozzo
3 – primo abbozzo
ricerca della sezione aurea
4 – Ricerca della sezione aurea 
seconda fase di stesura colori
5 – seconda fase di stesura colori
i colori della tavolozza
6 – i colori della tavolozza
intonazione cielo e secondi secondi piani
7 – intonazione cielo e secondi piani
apporto di colore vivace ai primi piani
8 – apporto di colore vivace ai primi piani

vai alla seconda fase


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *