Settimo gruppo di esercizi di ritmica per chitarra

Esercizio n° 31:

Questo studio è una variante dei due precedenti (30a e 30b).

Scarica il file audio midi dell’esercizio

Esercizio n° 31

Esercizio n° 32:

Scarica il file audio midi dell’esercizio

Ersercizio n° 32

Esercizio n° 33:

Uno studio con le terzine lo abbiamo già incontrato nelle pagine precedenti (pagina del quarto gruppo di esercizi) ma in questo esercizio i tempi irregolari si presentano anche con pause, che lo rendono ancora più difficile. Non vi scoraggiate ed impiegate la cosiddetta “pennata fantasma”, cioè una pennata in senso inverso a quella precedente, ma fatta a vuoto: in parole povere, eseguite la seconda battuta come la prima inserendo la “pennata a vuoto in giù” in corrispondenza della pausa. La pennata fantasma ha il pregio di non “rompere” la sequenza dei movimenti della mano.

L’esercizio n° 33, come quelli che seguiranno, ha il giro armonico di Fa maggiore. Si consiglia di eseguirli tutti in più tonalità (Do, Lam, Rem, Sol7, Do … Sol, Mim, Lam, Re7, Sol … ecc.).

I file audio dimostrativi sono tre. Il primo rispetta la metrica della figura, il secondo ha le pause più corte ed il terzo le ha cortissime: ascoltate la differenza di riproduzione e scegliete quella che più vi piace.

Scarica il file audio midi dell’esercizio, file midi 2, file midi 3

Esercizio n° 33

Esercizio n° 34:

Questo studio ha le stesse difficoltà di quello precedente ma non ha pause. Le pennate possono essere configurate a seconda dei pezzi da eseguire e dei gusti personali. Qui sotto sono riportate tre sequenze di pennata: quella indicata dalla freccia è la cosiddetta “pennata fantasma”.

Scarica il file audio midi dell’esercizio.

Esercizio n° 34

Esercizio n° 34a

Esercizio n° 34b

Esercizio n° 35:

Questo esercizio ha un ritmo con tempi regolari e, quindi, è assai più facile dei precedenti. È stato inserito in modo che l’allievo lo possa paragonare con il n° 34, cercando di capirne bene la differenza.

Scarica il file audio midi dell’esercizio.

Esercizio n° 35


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *