Il movimento della mano

Come nella realizzazione dei quadri di normali grandezza,  così  anche in quelli microscopici, che considero  normali  da tutti i punti di vista, il colore deve essere mescolato  esclusivamente nella tavolozza, poi steso sul supporto pittorico.

Ritornando al tema della mano ferma, che è un requisito indispensabile, questa deve esercitare anche dei movimenti coordinati in configurazione di ciò che gli  occhi  percepiscono impiegando lo  stereoscopio. La cosa sembra abbastanza logica, ma i nostri movimenti naturali vengono messi a dura prova. Lo stereoscopio cambia  le  misure reali amplificandole in modo più o  meno evidente, a  seconda della nostra scelta di ingrandimento.

Queste nuove distanze non corrispondono più alla realtà ed i nostri movimenti automatici dovranno quindi essere modificati in relazione a questa logica. Dobbiamo, in altre parole spostare il pennello, non  secondo lo spazio da percorrere da noi percepito per mezzo dello stereoscopio, ma secondo lo spazio reale, che è 4 –  8 –  16  – 24 – 32 – e talvolta volta anche 60 volte  inferiore al primo. La prima difficoltà da affrontare è proprio questa. Naturalmente  inizierete con 4 – 8 ingrandimenti, per raggiungere  più tardi quelli che si avvicinano ai 32 e sfondare perciò con disinvoltura i tetti che ci impongono i nostri automatismi.

Se  non con lo stereoscopio, alla maggior parte di noi è capitato di guardare  un paesaggio  attraverso le lenti di un binocolo, e, certamente saremo  stati tentati di voler toccare con le mani, oggetti che ci sembravano alla portata di mano,  con la delusione di non averle potute raggiungere: usando lo stereoscopio avremo la stessa sensazione, ma invertita. La mano, che per la prima volta prova raggiungere un punto, certamente lo sorpassa alla grande.

Purtroppo inizialmente, durante la realizzazione di questi microscopici capolavori, qualcuno di essi si rovinerà quasi certamente, proprio a  causa  di questi ingannanti movimenti, che portano le dita sopra il dipinto non ancora asciutto, cancellandolo letteralmente.

Al menù di inizio corso di pittura


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *